Philippe Briand SY300: quando il piacere della vela incontra quello del superyacht

Sono stati rilasciati i primi bozzetti ufficiali relativi al Philippe Briand SY300, superyacht con architettura a vela da 300 piedi di lunghezza a basso impatto ambientale

Philippe Briand SY300: quando il piacere della vela incontra quello del superyacht
 
Philippe Briand SY300: quando il piacere della vela incontra quello del superyacht
 
Share Button
 

Sono stati rilasciati i primi bozzetti ufficiali relativi al Philippe Briand SY300, superyacht con architettura a vela da 300 piedi di lunghezza (91.44 metri) che si propone di restituire il piacere della navigazione a vela su una imbarcazione di grandi dimensioni e che in caso di necessità può essere coadiuvata dal lavoro delle unità propulsive.

SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE

Fortemente incline a sostenere il basso impatto ambientale (filosofia verso la quale si stanno recentemente orientando sempre più armatori), il Philippe Briand SY300 dispone di una serie di turbine (poste al di sotto della linea di galleggiamento) atte a caricare le batterie necessarie per mantenere in funzione gli impianti di bordo e di navigazione.

vsy-atomic

VIVILO CON: VSY ATOMIC

ELEMENTI CARATTERISTICI

Scafo a prua rovesciata, armo convenzionale a due alberi (in CFRP) e albero di trinchetto da 95.3 metri sono tra gli elementi caratteristici del Philippe Briand SY300, che mette a disposizione ben 3.560 mq di superficie velica di bolina (oltre a 3.500 m2 di gennaker e a 6.600m2 di superfici portanti). Ancora ignoti i dettagli del progetto, così come anche il possibile cliente, dal momento che tale imbarcazione non è ancora stata venduta ad uno specifico armatore.

 
Philippe Briand SY300: quando il piacere della vela incontra quello del superyacht